Passa ai contenuti principali

La mano hi-tech che piega le dita

La mano hi-tech che piega le dita e afferra oggetti con un’efficienza pari al 90% di quella di una mano naturale. È la protesi robotica che non richiede bisturi e più economica di quelle attuali, nata in Italia nel Rehab Technologies Lab, il laboratorio congiunto nato nel dicembre 2013 dalla collaborazione tra l’Inail e l’Istituto italiano di tecnologia (Iit). È stata presentata a Roma, nell’incontro organizzato da Inail e Iit. Posso piegare le dita con la forza voluta e cominciare a dimenticare di dover usare sempre la mano sinistra», ha detto Marzo Zambelli, che nel 2015 aveva sperimentato la mano con tre dita, considerata la prova di fattibilità di una protesi ad alta tecnologia e a costi più accessibili, primo frutto della collaborazione fra Inail e IIt. Con la sua “nuova mano” Zambellii ha stretto oggi quella del ministro Poletti. La mano si chiama Hannes in onore di Hannes Schmidl, il primo direttore tecnico del centro protesi dell’Inail e autore nel 1965 della prima mano controllata dagli impulsi nervosi trasmessi dai muscoli (mioelettrica). La mano presentata oggi è controllata nello stesso modo attraverso elettrodi, indossarla non richiede un intervento chirurgico e ha dei guanti color pelle in versione maschile e femminile. «Abbiamo uno strumento prezioso», ha detto il presidente dell’Inail, Massimo De Felice riferendosi alla mano robotica, che è ormai un vero e proprio prodotto e che ha ricevuta la certificazione CE come dispositivo medico di fase 1. La mano «è pronta per la commercializzazione a partire dal 2019», ha aggiunto il direttore generale dell’Inail, Giuseppe Lucibello. È stata infatti sviluppata nell’ambito dell’accordo fra Inail e Iit formato nel 2013, nell’ambito di un protocollo finalizzato allo sviluppo di protesi di nuova generazione che prevedeva un investimento di 7,5 milioni nell’ambito di un piano triennale (2013-2015) da 12 milioni. Il risultato, frutto di oltre 10 anni di lavoro, «è una dimostrazione di come la tecnologia possa aprire grandi opportunità a livello sociale», ha rilevato il presidente dell’Iit, Gabriele Galateri di Genola. Il punto di partenza della mano presentata oggi e ormai alle soglie del mercato è stato infatti il robot umanoide iCub costruito nel 2010 dall’Iit: «una straordinaria palestra per sviluppare componenti al servizio dell’uomo», ha detto il direttore scientifico dell’Iit, Roberto Cingolani. «La mano è solo il primo esempio, ma sulla stessa base stiamo sviluppando esoscheletri e protesi di braccia e gambe».

Commenti

Post popolari in questo blog

Come impedire a Facebook di vedere la nostra cronologia dei siti visitati

Il modo più facile per impedire questa capacità di Facebook di guardare che siti visitiamo è usando Firefox con l'estensioneFacebook Container di Mozilla.
Questa estensione apre il sito Facebook in un container separato, come in una sandbox, in modo da rimanere separato dagli altri siti visitati.
Dopo aver installato questa estensione, vengono cancellati i cookie di Facebook e viene disconnesso l'account Facebook.
Riaprendo il sito Facebook, questo si apre in una nuova scheda blu (nota anche come "scheda del contenitore"), che impedisce a Facebook di leggere la cronologia di Firefox ed i cookie memorizzati e tracciare la attività tramite cookie di terze parti .
Inoltre, poiché viene effettuato l'accesso a Facebook nella scheda Contenitore, i commenti di Facebook incorporati e i pulsanti Mi piace nei siti web non funzioneranno.

Un altro modo di escludere Facebook dalla cronologia del browser web è sul sito Digital Advertising Alliance.
Da questo portale è possibile scar…

Amazon Prime: nuovo prezzo in arrivo Da aprile 2018

Amazon Prime: nuovo prezzo in arrivo Da aprile 2018 il costo passerà a 36 euro / anno Pubblicato il 26 marzo 2018 da PippoCD Blog — Rispondi E si… ogni tanto i prezzi aumentano. È la volta di Amazon, la più grande “Internet Company” al Mondo, diventata da poco la seconda più grande Azienda dopo Apple. In questi giorni ha comunicato la modifica al rialzo il prezzo del servizio “Amazon Prime” e non di poco, passando infatti da 19.99 EUR / anno a 36 EUR / anno. Con il nuovo prezzo Amazon propone anche una nuova opzione, che permette di pagare mese per mese, invece che direttamente con l’abbonamento annuale. In pratica si avranno le seguenti opzioni: Prime Mensile -> 4,99 Euro / mese Prime Annuale -> 36 Euro / anno * *fino al 4 Aprile chi sottoscrive Prime, potrà beneficiare del prezzo di 19,99 per il primo anno, poi passerà a 36 Euro per i rinnovi successivi. Stessa cosa per i già clienti, che rinnovano entro Maggio, avranno un ulteriore anno al prezzo di 19,99 Euro. Ama…

10 nuove tecnologie che cambiano la qualità della vita

Disabilità: 10 nuove tecnologie che cambiano la qualità della vita Nel corso degli ultimi anni l’accelerazione dell’innovazione tecnologica ha permesso a nuove branche della scienza di affiancare la medicina per ideare soluzioni che rendano la nostra vita migliore. La bioingegneria si è affermata come uno dei più promettenti campi di applicazione. Già oggi molte tecnologie, una volta soltanto immaginabili, hanno permesso a persone di tornare a camminare, vedere, parlare. Gli sviluppi della ricerca e gli investimenti che sempre di più si concentrano su queste soluzioni, porteranno in un futuro ormai prossimo ad un abbassamento dei costi e quindi ad una diffusione più ampia di strumenti in grado davvero di cambiare la vita. Tra le molte tecnologie in fase di ricerca, sviluppo e applicazione, ne abbiamo scelte alcune in grado di dare un’idea di come stanno evolvendo le cose: da piccole soluzioni di praticità a grandi macchinari di supporto vitale, ecco 10 nuove tecnologie che cambieranno…