Passa ai contenuti principali

GDPR (General Data Protection Regulation) il Regolamento e le leggi in PDF

A partire dal 25 maggio 2018 è direttamente applicabile in tutti gli Stati membri il Regolamento Ue 2016/679, noto come GDPR (General Data Protection Regulation) – relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento e alla libera circolazione dei dati personali. Il GDPR nasce da precise esigenze, come indicato dalla stessa Commissione Ue, di certezza giuridica, armonizzazione e maggiore semplicità delle norme riguardanti il trasferimento di dati personali dall’Ue verso altre parti del mondo.Si tratta poi di una risposta, necessarie e urgente, alle sfide poste dagli sviluppi tecnologici (a inizio ottobre il WP29 ha adottato tre fondamentali provvedimenti che avranno importanti ricadute su punti essenziali del GDPR proprio sul tema dell’innovazione tecnologica) e dai nuovi modelli di crescita economica, tenendo conto delle esigenze di tutela dei dati personali sempre più avvertite dai cittadini Ue. Vedi anche le novità previste in Legge di Bilancio 2018. A preoccupare sono, però, le disposizioni di ratio sostanzialmente opposte che hanno attribuito agli Stati membri la possibilità di legiferare in autonomia al fine di “precisare” le norme contenute nel GDPR. In qualche modo si è “tradita” l’iniziale visione dell’Ue e potrebbero sorgere contrasti tra il Regolamento e le leggi nazionali adottate per allinearsi alle nuove indicazioni. In estrema sintesi col GDPR:
GDPR in Italiano in formato PDF
  • Si introducono regole più chiare su informativa e consenso
  • Vengono definiti i limiti al trattamento automatizzato dei dati personali;
  • Poste le basi per l’esercizio di nuovi diritti;
  • Stabiliti criteri rigorosi per il trasferimento degli stessi al di fuori dell’Ue;
  • Fissate norme rigorose per i casi di violazione dei dati (data breach).
Le norme si applicano anche alle imprese situate fuori dall’Unione europea che offrono servizi o prodotti all’interno del mercato Ue. Tutte le aziende, ovunque stabilite, dovranno quindi rispettare le nuove regole. Imprese ed enti avranno più responsabilità e caso di inosservanza delle regole rischiano pesanti sanzioni.


Il regolamento costituisce un prezioso tentativo di armonizzazione delle regole privacy dei vari Stati ed è finalizzato a sviluppare il mercato unico digitale attraverso la creazione e la promozione di nuovi servizi, applicazioni, piattaforme e software. Il regolamento costituisce con la direttiva Direttiva (UE) 2016/680 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 aprile 2016, relativa alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali da parte delle autorità competenti a fini di prevenzione, indagine, accertamento e perseguimento di reati o esecuzione di sanzioni penali, nonché alla libera circolazione di tali dati il c.d. “pacchetto protezione dati personali”. Il testo del regolamento abroga la direttiva la Direttiva 95/46/Ce in materia di protezione dei dati personali /privacy, concepita in un periodo nel quale solo una minima parte della popolazione europea (nella percentuale del 1%) utilizzava internet e non esistevano social media, tablet, app e gli scenari e gli effetti della moderna e l’ attuale società della sorveglianza elettronica nella quale sono gli stessi cittadini che pubblicano, più o meno inconsapevolmente i propri dati personali sulle piattaforme on line e social media.

Commenti

Post popolari in questo blog

Fiat Chrysler investimenti nell’auto elettrica e a guida autonoma

Fiat Chrysler (Fca) ha annunciato che investirà nella produzione di veicoli elettrici e a guida autonoma, oltre a potenziare il settore dei Suv e dei furgoni pick-up. Si tratta, rende noto il quotidiano “Wall Street Journal” della nuova strategia che si dipanerà nell’arco dei prossimi cinque anni. La compagnia ha anche annunciato che prevede un raddoppio dei profitti, pari a 16 miliardi di euro entro il 2022 e margini che raggiungeranno la doppia cifra rispetto all’attuale 6,8 per cento. L’Amministratore delegato, Sergio Marchionne, ha sostenuto che il gruppo spenderà 9 miliardi di euro per la realizzazione di motori elettrici, incluso il marchio Jeep. Per osservare le regole sulle emissioni che in Europa diventano più severe, Fiat Chrysler non produrrà più veicoli diesel dal 2021 e automobili come la Punto, la cui conversione elettricanon sarebbe redditizia, andra’ fuori produzione. Infine, Marchionne ha annunciato che “Fca azzererà entro giugno l’indebitamento netto industriale.…

Come impedire a Facebook di vedere la nostra cronologia dei siti visitati

Il modo più facile per impedire questa capacità di Facebook di guardare che siti visitiamo è usando Firefox con l'estensioneFacebook Container di Mozilla.
Questa estensione apre il sito Facebook in un container separato, come in una sandbox, in modo da rimanere separato dagli altri siti visitati.
Dopo aver installato questa estensione, vengono cancellati i cookie di Facebook e viene disconnesso l'account Facebook.
Riaprendo il sito Facebook, questo si apre in una nuova scheda blu (nota anche come "scheda del contenitore"), che impedisce a Facebook di leggere la cronologia di Firefox ed i cookie memorizzati e tracciare la attività tramite cookie di terze parti .
Inoltre, poiché viene effettuato l'accesso a Facebook nella scheda Contenitore, i commenti di Facebook incorporati e i pulsanti Mi piace nei siti web non funzioneranno.

Un altro modo di escludere Facebook dalla cronologia del browser web è sul sito Digital Advertising Alliance.
Da questo portale è possibile scar…