Passa ai contenuti principali

WhatsApp rimane largamente l’app di messaggistica più utilizzata dagli italiani

Questo è quel che è venuto fuori dall’analisi di Vincenzo Cosenza, esperto di social media che recentemente pubblicato la sua analisi sulle app di messaggistica in Italia. Non si tratta di statistiche ufficiali (non tutte le società forniscono dati del genere), ma stime realizzate dallo stesso Cosenza e basate su dati acquisiti da diversi provider. PUBBLICITÀ inRead invented by Teads Secondo l’analisi,WhatsApp rimane largamente l’app di messaggistica più utilizzata dagli italiani, tanto per tempo di utilizzo che per numero di utenti: si parla 11 ore e 30 minuti al mese per ogni persona, e di persone che utilizzano WhatsApp in Italia ce ne sono ben 22 milioni (su 1,2 miliardi di utenti al mondo). Gli utilizzatori dell’app sono cresciuti del 19% rispetto al 2016 e la base di utenti coinvolge un po’ tutti, giovani e anziani. Al secondo posto della classifica troviamo Messenger, utilizzato da 15 milioni di italiani (1,2 miliardi al mondo), ma solo per 1 ora al mese. Rispetto allo scorso anno la chat di Facebook è cresciuta del 25% in termini di utenti nostrani, ma la percentuale che lo utilizza di più appartiene alla fascia dei 24-44 anni. 1 VAI ALLA FOTOGALLERY Segue Skype, ma in calo del 16% rispetto allo scorso anno: gli italiani che lo utilizzano sono 8 milioni (300 milioni di utenti al mondo), principalmente di età compresa tra i 25 e i 44 anni ma, anche in questo caso, solo per 1 ora al mese. Arriviamo dunque a Telegram, che a sorpresa (secondo l’autore) conquista il quarto posto per numero di utenti: 3,5 milioni di italiani utilizzano l’app di messaggistica di Pavel Durov, in crescita del 150% rispetto al 2015 (nel mondo gli utenti sono oltre 100 milioni). Quest’app di messaggistica viene utilizzata in particolare dai più giovani (15-24 anni) e, complessivamente, per 2 ore e mezza al mese (anche se questo dato non torna nell’infografica). A seguire abbiamo Viber, in forte calo (-40%) rispetto al 2016, utilizzato “solo” da 1 milione di italiani (nel mondo, invece, supera i 260 milioni di utenti) per 1 ora e 50 minuti al mese, in particolare da persone con età compresa tra i 25 e i 44 anni. Troviamo poi WeChat, utilizzato da 280.000 utenti italiani (-25% rispetto allo scorso anno), ma per ben 6 ore al mese. Considerando lo scarso successo di WeChat tra gli utenti occidentali ma l’enorme diffusione nel mercato cinese, potremmo azzardare che buona parte degli utilizzatori provenga dalla comunità cinese italiana (o, comunque, sia legata al mondo orientale). Infine, quasi buffo rispetto al resto della concorrenza, nella classifica appare anche Windows Live Messenger, utilizzato da 150.000 persone per circa 5 minuti al mese. A tal proposito, aggiungiamo: MSN è morto da un pezzo, fatevene una ragione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Fiat Chrysler investimenti nell’auto elettrica e a guida autonoma

Fiat Chrysler (Fca) ha annunciato che investirà nella produzione di veicoli elettrici e a guida autonoma, oltre a potenziare il settore dei Suv e dei furgoni pick-up. Si tratta, rende noto il quotidiano “Wall Street Journal” della nuova strategia che si dipanerà nell’arco dei prossimi cinque anni. La compagnia ha anche annunciato che prevede un raddoppio dei profitti, pari a 16 miliardi di euro entro il 2022 e margini che raggiungeranno la doppia cifra rispetto all’attuale 6,8 per cento. L’Amministratore delegato, Sergio Marchionne, ha sostenuto che il gruppo spenderà 9 miliardi di euro per la realizzazione di motori elettrici, incluso il marchio Jeep. Per osservare le regole sulle emissioni che in Europa diventano più severe, Fiat Chrysler non produrrà più veicoli diesel dal 2021 e automobili come la Punto, la cui conversione elettricanon sarebbe redditizia, andra’ fuori produzione. Infine, Marchionne ha annunciato che “Fca azzererà entro giugno l’indebitamento netto industriale.…

Hard disk a DNA

Gli studenti di biologia lo sanno bene: il DNA non è solo una molecola, è anche informazione. Sfruttando le regole semplici ma efficaci del codice genetico, gli esseri viventi hanno evoluto un sistema formidabile di memorizzazione di informazioni, salvate in un archivio incredibilmente compatto che può essere scritto, modificato, letto e copiato. Stiamo parlando di informazioni particolari, informazioni utili alle nostre cellule: quando e in che tessuto accendere o spegnere un gene, quali aminoacidi occorrono per costruire una proteina e in che ordine devono essere assemblati. Affascinante, certo, ma la cosa davvero interessante è che, in linea teorica, il DNA potrebbe essere usato per archiviare dati di qualsiasi tipo. Tutto quello che dobbiamo fare è trasformare questi dati in lunghe serie di A, C, G e T, e sintetizzare le corrispondenti molecole di DNA. Facile a dirsi, difficile a farsi. I costi sono elevati e i problemi tecnici da affrontare sono molti. Ciononostante, alcuni grup…

GDPR (General Data Protection Regulation) il Regolamento e le leggi in PDF

A partire dal 25 maggio 2018 è direttamente applicabile in tutti gli Stati membri il Regolamento Ue 2016/679, noto come GDPR (General Data Protection Regulation) – relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento e alla libera circolazione dei dati personali. Il GDPR nasce da precise esigenze, come indicato dalla stessa Commissione Ue, di certezza giuridica, armonizzazione e maggiore semplicità delle norme riguardanti il trasferimento di dati personali dall’Ue verso altre parti del mondo.Si tratta poi di una risposta, necessarie e urgente, alle sfide poste dagli sviluppi tecnologici (a inizio ottobre il WP29 ha adottato tre fondamentali provvedimenti che avranno importanti ricadute su punti essenziali del GDPR proprio sul tema dell’innovazione tecnologica) e dai nuovi modelli di crescita economica, tenendo conto delle esigenze di tutela dei dati personali sempre più avvertite dai cittadini Ue. Vedi anche le novità previste in Legge di Bilancio 2018. A preoccu…