Passa ai contenuti principali

Tecnologia per disabili

Una ricerca svolta di Polifactory in collaborazione con Fondazione Politecnico e promossa da Sanofi Genzyme mostra la distribuzione geografica delle soluzioni in grado di migliorare la vita di chi convive con qualche forma di disabilità. Prima la Lombardia con 61 “soggetti” su 168, seguono Emila Romagna, Puglia e Liguria Prima la Lombardia, con 61 “soggetti” su 168. A seguire Emilia Romagna (20), Puglia (15) e Liguria (14). Tra le città, Milano (con la sua area metropolitana e le vicine province di Como e Lecco) ha 57 soggetti. Attenzione! Non si tratta di risultati elettorali ma della distribuzione geografica delle realtà mappate nella prima ricerca che si propone di rappresentare l’ecosistema fatto di pazienti-innovatori, ricercatori indipendenti e non, nuovi imprenditori e startup, maker e fablab che lavorano allo sviluppo di soluzioni capaci di migliorare la vita quotidiana e la salute delle persone che convivono con qualche forma di disabilità. “Si tratta – mi dice Stefano Maffei, docente di Design al Politecnico di Milano e responsabile scientifico di Polifactory – di un’indagine basata su un lavoro di mappatura e studio di progetti, iniziative sperimentali, esperienze e di prodotto-servizio sviluppate attraverso la combinazione di cultura scientifica, innovazione tecnologica design-driven e approccio maker. Abbiamo “cercato” i soggetti che popolano questo campo: il mondo dei pazienti, dei caregiver e delle loro associazioni, quello della ricerca scientifica, il mondo della produzione in ambito biomedicale, la rete dei makerspace e dei fablab, il mondo delle startup imprenditoriali.”. Il risultato di questa ricerca, svolta da Polifactory in collaborazione con Fondazione Politecnico e promossa da Sanofi Genzyme – la divisione specialty care di Sanofi, impegnata nella ricerca e sviluppo di terapie per patologie rare e croniche che promuove il progetto MakeToCare – è stato presentato all’ultima edizione della Maker Faire di Roma e riproposto lo scorso 21 febbraio a Milano. “La nostra ricerca – spiega Maffei – ha natura esplorativa e delinea uno scenario in fieri, senza pretesa di completezza statistico-quantitativa. Si tratta di un percorso di esplorazione e mappatura in progress. Abbiamo cercato le principali direttrici di trasformazione nell’ambito healthcare: dai cambiamenti sociali al ruolo emergente dei pazienti come soggetti attivi del sistema sanitario, dalla diffusione di tecnologie digitali abilitanti alla trasformazione di prodotti e servizi per la cura. dalla crescente diffusione e integrazione di pratiche collaborative sviluppate da pazienti, familiari e associazioni di pazienti, centri di cura e di ricerca con la cultura progettuale open di maker, spazi e laboratori di fabbricazione condivisa e mondo delle startup tecnologiche.”. Le categorie di soggetti mappati vanno da quelli più istituzionali, come i grandi IRCCS e i Centri di Ricerca medica e scientifica, le Università e i relativi spin-off, sino ai pazienti e alle Associazioni che li rappresentano, alle giovani startup biomedicali, ai ricercatori indipendenti, ai makers esperti di fabbricazione digitale che operano nel circuito dei FabLab. Sono stati individuati quattro livelli di posizionamento delle soluzioni sul corpo umano: dentro al corpo: le soluzioni che si innestano nel corpo o integrano parti interne di esso; sul corpo: le soluzioni che si connettono e/o si indossano e supportano il corpo; con il corpo: le soluzioni con cui il corpo si interfaccia fisicamente; fuori dal corpo: le soluzioni esterne perlopiù immateriali e digitali connettibili alle soluzioni precedenti. I dati completi della ricerca sono pubblicati in www.maketocare.it. Il report è destinato a evolversi ulteriormente con lo sviluppo di una seconda fase, cui si affiancherà lo sviluppo di un tool web di autocandidatura on-line. Lo scopo è costruire una mappatura più capillare e interattiva, per coinvolgere anche i soggetti non intercettati dal primo lavoro di indagine. Tutto questo potrebbe poi portare a un ulteriore passaggio di scala, estendendo l’indagine sull’ecosistema MakeToCare oltre la dimensione italiana, verso uno scenario europeo. Del resto, senza una mappa è difficile orientarsi, specie nell’era digitale, anche quando si parla di tecnologia solidale. Questa ricerca disegna la mappa di un “territorio” del quale potrebbero far parte molte delle startup e delle imprese di cui ho raccontato in questo blog…

Commenti

Post popolari in questo blog

Fiat Chrysler investimenti nell’auto elettrica e a guida autonoma

Fiat Chrysler (Fca) ha annunciato che investirà nella produzione di veicoli elettrici e a guida autonoma, oltre a potenziare il settore dei Suv e dei furgoni pick-up. Si tratta, rende noto il quotidiano “Wall Street Journal” della nuova strategia che si dipanerà nell’arco dei prossimi cinque anni. La compagnia ha anche annunciato che prevede un raddoppio dei profitti, pari a 16 miliardi di euro entro il 2022 e margini che raggiungeranno la doppia cifra rispetto all’attuale 6,8 per cento. L’Amministratore delegato, Sergio Marchionne, ha sostenuto che il gruppo spenderà 9 miliardi di euro per la realizzazione di motori elettrici, incluso il marchio Jeep. Per osservare le regole sulle emissioni che in Europa diventano più severe, Fiat Chrysler non produrrà più veicoli diesel dal 2021 e automobili come la Punto, la cui conversione elettricanon sarebbe redditizia, andra’ fuori produzione. Infine, Marchionne ha annunciato che “Fca azzererà entro giugno l’indebitamento netto industriale.…

Hard disk a DNA

Gli studenti di biologia lo sanno bene: il DNA non è solo una molecola, è anche informazione. Sfruttando le regole semplici ma efficaci del codice genetico, gli esseri viventi hanno evoluto un sistema formidabile di memorizzazione di informazioni, salvate in un archivio incredibilmente compatto che può essere scritto, modificato, letto e copiato. Stiamo parlando di informazioni particolari, informazioni utili alle nostre cellule: quando e in che tessuto accendere o spegnere un gene, quali aminoacidi occorrono per costruire una proteina e in che ordine devono essere assemblati. Affascinante, certo, ma la cosa davvero interessante è che, in linea teorica, il DNA potrebbe essere usato per archiviare dati di qualsiasi tipo. Tutto quello che dobbiamo fare è trasformare questi dati in lunghe serie di A, C, G e T, e sintetizzare le corrispondenti molecole di DNA. Facile a dirsi, difficile a farsi. I costi sono elevati e i problemi tecnici da affrontare sono molti. Ciononostante, alcuni grup…

GDPR (General Data Protection Regulation) il Regolamento e le leggi in PDF

A partire dal 25 maggio 2018 è direttamente applicabile in tutti gli Stati membri il Regolamento Ue 2016/679, noto come GDPR (General Data Protection Regulation) – relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento e alla libera circolazione dei dati personali. Il GDPR nasce da precise esigenze, come indicato dalla stessa Commissione Ue, di certezza giuridica, armonizzazione e maggiore semplicità delle norme riguardanti il trasferimento di dati personali dall’Ue verso altre parti del mondo.Si tratta poi di una risposta, necessarie e urgente, alle sfide poste dagli sviluppi tecnologici (a inizio ottobre il WP29 ha adottato tre fondamentali provvedimenti che avranno importanti ricadute su punti essenziali del GDPR proprio sul tema dell’innovazione tecnologica) e dai nuovi modelli di crescita economica, tenendo conto delle esigenze di tutela dei dati personali sempre più avvertite dai cittadini Ue. Vedi anche le novità previste in Legge di Bilancio 2018. A preoccu…