Passa ai contenuti principali

Tecnologia per disabili

Una ricerca svolta di Polifactory in collaborazione con Fondazione Politecnico e promossa da Sanofi Genzyme mostra la distribuzione geografica delle soluzioni in grado di migliorare la vita di chi convive con qualche forma di disabilità. Prima la Lombardia con 61 “soggetti” su 168, seguono Emila Romagna, Puglia e Liguria Prima la Lombardia, con 61 “soggetti” su 168. A seguire Emilia Romagna (20), Puglia (15) e Liguria (14). Tra le città, Milano (con la sua area metropolitana e le vicine province di Como e Lecco) ha 57 soggetti. Attenzione! Non si tratta di risultati elettorali ma della distribuzione geografica delle realtà mappate nella prima ricerca che si propone di rappresentare l’ecosistema fatto di pazienti-innovatori, ricercatori indipendenti e non, nuovi imprenditori e startup, maker e fablab che lavorano allo sviluppo di soluzioni capaci di migliorare la vita quotidiana e la salute delle persone che convivono con qualche forma di disabilità. “Si tratta – mi dice Stefano Maffei, docente di Design al Politecnico di Milano e responsabile scientifico di Polifactory – di un’indagine basata su un lavoro di mappatura e studio di progetti, iniziative sperimentali, esperienze e di prodotto-servizio sviluppate attraverso la combinazione di cultura scientifica, innovazione tecnologica design-driven e approccio maker. Abbiamo “cercato” i soggetti che popolano questo campo: il mondo dei pazienti, dei caregiver e delle loro associazioni, quello della ricerca scientifica, il mondo della produzione in ambito biomedicale, la rete dei makerspace e dei fablab, il mondo delle startup imprenditoriali.”. Il risultato di questa ricerca, svolta da Polifactory in collaborazione con Fondazione Politecnico e promossa da Sanofi Genzyme – la divisione specialty care di Sanofi, impegnata nella ricerca e sviluppo di terapie per patologie rare e croniche che promuove il progetto MakeToCare – è stato presentato all’ultima edizione della Maker Faire di Roma e riproposto lo scorso 21 febbraio a Milano. “La nostra ricerca – spiega Maffei – ha natura esplorativa e delinea uno scenario in fieri, senza pretesa di completezza statistico-quantitativa. Si tratta di un percorso di esplorazione e mappatura in progress. Abbiamo cercato le principali direttrici di trasformazione nell’ambito healthcare: dai cambiamenti sociali al ruolo emergente dei pazienti come soggetti attivi del sistema sanitario, dalla diffusione di tecnologie digitali abilitanti alla trasformazione di prodotti e servizi per la cura. dalla crescente diffusione e integrazione di pratiche collaborative sviluppate da pazienti, familiari e associazioni di pazienti, centri di cura e di ricerca con la cultura progettuale open di maker, spazi e laboratori di fabbricazione condivisa e mondo delle startup tecnologiche.”. Le categorie di soggetti mappati vanno da quelli più istituzionali, come i grandi IRCCS e i Centri di Ricerca medica e scientifica, le Università e i relativi spin-off, sino ai pazienti e alle Associazioni che li rappresentano, alle giovani startup biomedicali, ai ricercatori indipendenti, ai makers esperti di fabbricazione digitale che operano nel circuito dei FabLab. Sono stati individuati quattro livelli di posizionamento delle soluzioni sul corpo umano: dentro al corpo: le soluzioni che si innestano nel corpo o integrano parti interne di esso; sul corpo: le soluzioni che si connettono e/o si indossano e supportano il corpo; con il corpo: le soluzioni con cui il corpo si interfaccia fisicamente; fuori dal corpo: le soluzioni esterne perlopiù immateriali e digitali connettibili alle soluzioni precedenti. I dati completi della ricerca sono pubblicati in www.maketocare.it. Il report è destinato a evolversi ulteriormente con lo sviluppo di una seconda fase, cui si affiancherà lo sviluppo di un tool web di autocandidatura on-line. Lo scopo è costruire una mappatura più capillare e interattiva, per coinvolgere anche i soggetti non intercettati dal primo lavoro di indagine. Tutto questo potrebbe poi portare a un ulteriore passaggio di scala, estendendo l’indagine sull’ecosistema MakeToCare oltre la dimensione italiana, verso uno scenario europeo. Del resto, senza una mappa è difficile orientarsi, specie nell’era digitale, anche quando si parla di tecnologia solidale. Questa ricerca disegna la mappa di un “territorio” del quale potrebbero far parte molte delle startup e delle imprese di cui ho raccontato in questo blog…

Commenti

Post popolari in questo blog

Come impedire a Facebook di vedere la nostra cronologia dei siti visitati

Il modo più facile per impedire questa capacità di Facebook di guardare che siti visitiamo è usando Firefox con l'estensioneFacebook Container di Mozilla.
Questa estensione apre il sito Facebook in un container separato, come in una sandbox, in modo da rimanere separato dagli altri siti visitati.
Dopo aver installato questa estensione, vengono cancellati i cookie di Facebook e viene disconnesso l'account Facebook.
Riaprendo il sito Facebook, questo si apre in una nuova scheda blu (nota anche come "scheda del contenitore"), che impedisce a Facebook di leggere la cronologia di Firefox ed i cookie memorizzati e tracciare la attività tramite cookie di terze parti .
Inoltre, poiché viene effettuato l'accesso a Facebook nella scheda Contenitore, i commenti di Facebook incorporati e i pulsanti Mi piace nei siti web non funzioneranno.

Un altro modo di escludere Facebook dalla cronologia del browser web è sul sito Digital Advertising Alliance.
Da questo portale è possibile scar…

Amazon Prime: nuovo prezzo in arrivo Da aprile 2018

Amazon Prime: nuovo prezzo in arrivo Da aprile 2018 il costo passerà a 36 euro / anno Pubblicato il 26 marzo 2018 da PippoCD Blog — Rispondi E si… ogni tanto i prezzi aumentano. È la volta di Amazon, la più grande “Internet Company” al Mondo, diventata da poco la seconda più grande Azienda dopo Apple. In questi giorni ha comunicato la modifica al rialzo il prezzo del servizio “Amazon Prime” e non di poco, passando infatti da 19.99 EUR / anno a 36 EUR / anno. Con il nuovo prezzo Amazon propone anche una nuova opzione, che permette di pagare mese per mese, invece che direttamente con l’abbonamento annuale. In pratica si avranno le seguenti opzioni: Prime Mensile -> 4,99 Euro / mese Prime Annuale -> 36 Euro / anno * *fino al 4 Aprile chi sottoscrive Prime, potrà beneficiare del prezzo di 19,99 per il primo anno, poi passerà a 36 Euro per i rinnovi successivi. Stessa cosa per i già clienti, che rinnovano entro Maggio, avranno un ulteriore anno al prezzo di 19,99 Euro. Ama…

10 nuove tecnologie che cambiano la qualità della vita

Disabilità: 10 nuove tecnologie che cambiano la qualità della vita Nel corso degli ultimi anni l’accelerazione dell’innovazione tecnologica ha permesso a nuove branche della scienza di affiancare la medicina per ideare soluzioni che rendano la nostra vita migliore. La bioingegneria si è affermata come uno dei più promettenti campi di applicazione. Già oggi molte tecnologie, una volta soltanto immaginabili, hanno permesso a persone di tornare a camminare, vedere, parlare. Gli sviluppi della ricerca e gli investimenti che sempre di più si concentrano su queste soluzioni, porteranno in un futuro ormai prossimo ad un abbassamento dei costi e quindi ad una diffusione più ampia di strumenti in grado davvero di cambiare la vita. Tra le molte tecnologie in fase di ricerca, sviluppo e applicazione, ne abbiamo scelte alcune in grado di dare un’idea di come stanno evolvendo le cose: da piccole soluzioni di praticità a grandi macchinari di supporto vitale, ecco 10 nuove tecnologie che cambieranno…