Passa ai contenuti principali

Snapchat, ad oggi circa 400 milioni di snaps vengono scambiati al giorno WoW!

Snapchat, frutto dell’idea di due studenti di Stanford, è un’applicazione di messaggistica istantanea per dispositivi iOs e Android. L’app permette di condividere foto con i propri contatti (aggiungendo testo e/o piccoli disegni) con una particolarità: il messaggio si autodistruggerà in un tempo prestabilito dal mittente (fino a 10 secondi). Probabilmente questa peculiarità ne ha decretato il successo tra i più giovani, stuzzicati dalla possibilità di scambiarsi foto piccanti senza che queste rimangano nei dispositivi (se il ricevente effettua uno screenshot, al mittente viene notificata questa attività). Ad oggi circa 400 milioni di snaps vengono scambiati al giorno e anche alcune aziende hanno provato a utilizzare la social app per iniziative one shot in ambito advertising (couponing, offerte, storytelling). La domanda principale degli addetti ai lavori è: qual è il modello di business di Snapchat? E soprattutto, come mai Facebook è arrivata con una super offerta (3 miliardi di dollari) sul piatto per l’acquisizione? La crescita e le esigenze degli utenti Il boom registrato negli ultimi tempi (utenti, crescita nel mondo e messaggi scambiati) ha reso ancora più forti i ragazzi terribili della Stanford University. Spielberg e Murphy, forti dell’onda positiva, sono andati avanti per la loro strada e, notizia di qualche giorno fa, hanno chiuso un round milionario da 50 milioni di dollari. Ma gli utenti pressano e vogliono feature aggiuntive per l’applicazione. I due founder al momento non la vedono in questo modo. Sono alcuni mesi che in Rete il dibattito è aperto e le richieste si sono fatte pressanti soprattutto sul lato delle “ricerche”: gli utenti vorrebbero la possibilità di cercare altre persone (ad oggi, bisogna conoscere il nome utente preciso per poter chattare con una persona). Su Instagram ed altri social network le persone hanno trovato altre soluzioni: ad esempio, cercando il tag #snapchatme su Instagram escono oltre 1 milione di risultati con l’accoppiata foto+commenti per farsi aggiungere su Snapchat. Cos’è SnapSearch? Snapsearch-screen SnapSearch va a colmare la lacuna presente su Snapchat. È un’applicazione scaricabile gratuitamente ed utilizzabile con le stesse credenziali di Snapchat. Dopo aver specificato sesso e anno di nascita (nella fase di registrazione le persone accettano di farsi ricercare su SnapSearch) è possibile cercare altri utenti che hanno installato e configurato il loro profilo su SnapSearch. Le chiavi di ricerca sono genere, range di età e, per gli utenti “pro”, c’è la possibilità di filtrare risultati della ricerca per distanza. Ad esempio, cercare ragazze tra 20 e 25 anni nel raggio di 100 km da me. In fase di login su SnapSearch, si può acconsentire a diffonderla tra gli amici grazie ad un checkbox che invia una immagine promozionale agli amici di Snapchat e che invita all’utilizzo di SnapSearch.

Commenti

Post popolari in questo blog

10 nuove tecnologie che cambiano la qualità della vita

Disabilità: 10 nuove tecnologie che cambiano la qualità della vita Nel corso degli ultimi anni l’accelerazione dell’innovazione tecnologica ha permesso a nuove branche della scienza di affiancare la medicina per ideare soluzioni che rendano la nostra vita migliore. La bioingegneria si è affermata come uno dei più promettenti campi di applicazione. Già oggi molte tecnologie, una volta soltanto immaginabili, hanno permesso a persone di tornare a camminare, vedere, parlare. Gli sviluppi della ricerca e gli investimenti che sempre di più si concentrano su queste soluzioni, porteranno in un futuro ormai prossimo ad un abbassamento dei costi e quindi ad una diffusione più ampia di strumenti in grado davvero di cambiare la vita. Tra le molte tecnologie in fase di ricerca, sviluppo e applicazione, ne abbiamo scelte alcune in grado di dare un’idea di come stanno evolvendo le cose: da piccole soluzioni di praticità a grandi macchinari di supporto vitale, ecco 10 nuove tecnologie che cambieranno…

Amazon Prime: nuovo prezzo in arrivo Da aprile 2018

Amazon Prime: nuovo prezzo in arrivo Da aprile 2018 il costo passerà a 36 euro / anno Pubblicato il 26 marzo 2018 da PippoCD Blog — Rispondi E si… ogni tanto i prezzi aumentano. È la volta di Amazon, la più grande “Internet Company” al Mondo, diventata da poco la seconda più grande Azienda dopo Apple. In questi giorni ha comunicato la modifica al rialzo il prezzo del servizio “Amazon Prime” e non di poco, passando infatti da 19.99 EUR / anno a 36 EUR / anno. Con il nuovo prezzo Amazon propone anche una nuova opzione, che permette di pagare mese per mese, invece che direttamente con l’abbonamento annuale. In pratica si avranno le seguenti opzioni: Prime Mensile -> 4,99 Euro / mese Prime Annuale -> 36 Euro / anno * *fino al 4 Aprile chi sottoscrive Prime, potrà beneficiare del prezzo di 19,99 per il primo anno, poi passerà a 36 Euro per i rinnovi successivi. Stessa cosa per i già clienti, che rinnovano entro Maggio, avranno un ulteriore anno al prezzo di 19,99 Euro. Ama…

L’elettricità

L’elettricità è un fenomeno naturale che possiamo descrivere come un flusso di elettroni nella materia. E’ definita una “forma di energia secondaria” in quanto ottenuta per trasformazione da altre “fonti primarie” quali sole, acqua e vento. L’elettricità si manifesta spontaneamente in natura attraverso i fulmini, ma non può essere utilizzata in tale modo perché questi sono estemporanei, non prevedibili, repentini e perché sviluppano una tale quantità di energia nell’unità di tempo, da non poter essere accumulata. Al tempo stesso sono una forma di energia infinita, pulita e gratuita, ma i processi di trasformazione necessari per ottenere l’elettricità, sono complessi, costosi ed in molti casi inquinanti.

Ma cos’è l’elettricità?
Per comprenderne il significato, dobbiamo scendere nel profondo della materia e capire come si comportano gli elementi di cui è composta: gli atomi.
L’atomo è la più piccola parte della materia, non è visibile ad occhio nudo e il suo nome deriva dal greco e signi…