Passa ai contenuti principali

Server dedicato e server virtuale: quali, le differenze?

Fare confusione tra un server dedicato ed un vpsun server virtuale, chiamato dagli esperti del settore Virtual Private Server, non è poi così grave. E’ chiaro  che  per  chi  non è del mestiere, la differenza possa sembrare di poco conto, ma in realtà esistono delle diversità che differenziano le due tipologie, sulle quali andremo a fissare qualche punto, per evitare confusioni.
Innanzittutto, un VPS altro non è che un server virtuale, come detto, in funzione su un server fisico, le cui risorse sono generalmente condivise tra utenti diversi. Di solito si  parla  di vps quando  il server viene suddiviso in diverse macchine virtuali che sono separate tra di loro da applicazioni apposite che danno ai clienti che le utilizzano, la possibilità di gestire il proprio vps in piena autonomia rispetto agli altri. E’ possibile configurare il proprio sistema operativo, scegliere le applicazioni da installare: insomma, in una parola, diventa personalizzabile a seconda delle proprie necessità operative.
Se quindi già la prima tipologia di server vi è apparsa come altamente personalizzabile, c’è da dire che per quanto riguarda la seconda tipologia e cioè quella racchiusa in ciò che abbiamo chiamato Server Dedicato, rappresenta la forma di hosting più personalizzabile che esista.
Nonchè, anche la più costosa.
Adatto per siti molto trafficati che prevedano un grande consumo di risorse, il server dedicato è certamente ciò che di più efficiente possa essere approntato o per un sito di grande traffico o per un sito di grandi dimensioni.
Attrraverso il server dedicato  infatti  si  ha  generalmente l’opportunità di configurare a propria discrezione l’intero server, permettendosi quindi di gestirlo a proprio piacimento, ma non solo.
A differenza  del  precedente,  si  potrà  anche  utilizzare  l’hardware  noleggiato  per  il  servizio  che  si  preferisce. Si  potrà  scegliere tra processori Intel di ultimissima generazione, si potranno scegliere gli hard disk, le memorie ram da acquistare. 
Attenzione però a chi non ha ampie conoscenze nella gestione di un server: è sempre meglio servirsi di servizi gestiti dall’azienda hosting!

Commenti

Post popolari in questo blog

Fiat Chrysler investimenti nell’auto elettrica e a guida autonoma

Fiat Chrysler (Fca) ha annunciato che investirà nella produzione di veicoli elettrici e a guida autonoma, oltre a potenziare il settore dei Suv e dei furgoni pick-up. Si tratta, rende noto il quotidiano “Wall Street Journal” della nuova strategia che si dipanerà nell’arco dei prossimi cinque anni. La compagnia ha anche annunciato che prevede un raddoppio dei profitti, pari a 16 miliardi di euro entro il 2022 e margini che raggiungeranno la doppia cifra rispetto all’attuale 6,8 per cento. L’Amministratore delegato, Sergio Marchionne, ha sostenuto che il gruppo spenderà 9 miliardi di euro per la realizzazione di motori elettrici, incluso il marchio Jeep. Per osservare le regole sulle emissioni che in Europa diventano più severe, Fiat Chrysler non produrrà più veicoli diesel dal 2021 e automobili come la Punto, la cui conversione elettricanon sarebbe redditizia, andra’ fuori produzione. Infine, Marchionne ha annunciato che “Fca azzererà entro giugno l’indebitamento netto industriale.…

Hard disk a DNA

Gli studenti di biologia lo sanno bene: il DNA non è solo una molecola, è anche informazione. Sfruttando le regole semplici ma efficaci del codice genetico, gli esseri viventi hanno evoluto un sistema formidabile di memorizzazione di informazioni, salvate in un archivio incredibilmente compatto che può essere scritto, modificato, letto e copiato. Stiamo parlando di informazioni particolari, informazioni utili alle nostre cellule: quando e in che tessuto accendere o spegnere un gene, quali aminoacidi occorrono per costruire una proteina e in che ordine devono essere assemblati. Affascinante, certo, ma la cosa davvero interessante è che, in linea teorica, il DNA potrebbe essere usato per archiviare dati di qualsiasi tipo. Tutto quello che dobbiamo fare è trasformare questi dati in lunghe serie di A, C, G e T, e sintetizzare le corrispondenti molecole di DNA. Facile a dirsi, difficile a farsi. I costi sono elevati e i problemi tecnici da affrontare sono molti. Ciononostante, alcuni grup…

GDPR (General Data Protection Regulation) il Regolamento e le leggi in PDF

A partire dal 25 maggio 2018 è direttamente applicabile in tutti gli Stati membri il Regolamento Ue 2016/679, noto come GDPR (General Data Protection Regulation) – relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento e alla libera circolazione dei dati personali. Il GDPR nasce da precise esigenze, come indicato dalla stessa Commissione Ue, di certezza giuridica, armonizzazione e maggiore semplicità delle norme riguardanti il trasferimento di dati personali dall’Ue verso altre parti del mondo.Si tratta poi di una risposta, necessarie e urgente, alle sfide poste dagli sviluppi tecnologici (a inizio ottobre il WP29 ha adottato tre fondamentali provvedimenti che avranno importanti ricadute su punti essenziali del GDPR proprio sul tema dell’innovazione tecnologica) e dai nuovi modelli di crescita economica, tenendo conto delle esigenze di tutela dei dati personali sempre più avvertite dai cittadini Ue. Vedi anche le novità previste in Legge di Bilancio 2018. A preoccu…