Passa ai contenuti principali

Rakuten Tv comincia a produrre film che usciranno in sala e online allo stesso momento

Rakuten Tv comincia a produrre film che usciranno in sala e online allo stesso momento Tre milioni di investimento quest’anno e ancora di più l’anno prossimo con in mente tra le cinque e le dieci produzioni da far partire. Tutti da distribuirsi in sala e a noleggio sul televisore di casa contemporamente Rakuten Tv è pronta a partire con le produzioni originali, film che verranno distribuiti esclusivamente sulla loro piattaforma e in contemporanea con la sala. Il primo titolo con cui tenteranno quest’esperimento sarà Hurricane e uscirà in sala e on demand nel Regno Unito in autunno. Nonostante non abbia ancora iniziato una campagna promozionale propriamente detta, Rakuten Tv è già presente da qualche tempo sul territorio italiano con un’offerta di film in video on demand direttamente sulle smart tv. Niente streaming come Netflix o Amazon, niente abbonamenti e costi fissi, niente serie (almeno al momento), la filosofia di Rakuten è far pagare per ogni singolo film (per le novità noleggio a 4 euro, acquisto a 10 euro), offrendo in cambio una qualità molto alta (sono i primi a garantire i 4K) e un’offerta molto ampia (vantano il catalogo on demand più grande d’Europa). Un’offerta che sono gli unici ad offrire direttamente su smart tv oltre che sugli altri supporti. PUBBLICITÀ inRead invented by Teads Schermata 2018-04-27 alle 12.11.35 La società è nata nel 2012 come Wuaki, in Spagna, poi in seguito all’acquisto da parte del colosso giapponese Rakuten è diventata Rakuten Tv e ha cominciato a crescere in dimensioni e ambizioni. Ora è presente in 12 territori in Europa. La parte più dura di tutto questo piano non sarà tanto realizzare i film ma riuscire davvero a distribuirli in sala e on demand in contemporanea. Tanti ci hanno provato negli anni, nessuno ci è mai riuscito per l’opposizione degli esercenti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Come impedire a Facebook di vedere la nostra cronologia dei siti visitati

Il modo più facile per impedire questa capacità di Facebook di guardare che siti visitiamo è usando Firefox con l'estensioneFacebook Container di Mozilla.
Questa estensione apre il sito Facebook in un container separato, come in una sandbox, in modo da rimanere separato dagli altri siti visitati.
Dopo aver installato questa estensione, vengono cancellati i cookie di Facebook e viene disconnesso l'account Facebook.
Riaprendo il sito Facebook, questo si apre in una nuova scheda blu (nota anche come "scheda del contenitore"), che impedisce a Facebook di leggere la cronologia di Firefox ed i cookie memorizzati e tracciare la attività tramite cookie di terze parti .
Inoltre, poiché viene effettuato l'accesso a Facebook nella scheda Contenitore, i commenti di Facebook incorporati e i pulsanti Mi piace nei siti web non funzioneranno.

Un altro modo di escludere Facebook dalla cronologia del browser web è sul sito Digital Advertising Alliance.
Da questo portale è possibile scar…

Amazon Prime: nuovo prezzo in arrivo Da aprile 2018

Amazon Prime: nuovo prezzo in arrivo Da aprile 2018 il costo passerà a 36 euro / anno Pubblicato il 26 marzo 2018 da PippoCD Blog — Rispondi E si… ogni tanto i prezzi aumentano. È la volta di Amazon, la più grande “Internet Company” al Mondo, diventata da poco la seconda più grande Azienda dopo Apple. In questi giorni ha comunicato la modifica al rialzo il prezzo del servizio “Amazon Prime” e non di poco, passando infatti da 19.99 EUR / anno a 36 EUR / anno. Con il nuovo prezzo Amazon propone anche una nuova opzione, che permette di pagare mese per mese, invece che direttamente con l’abbonamento annuale. In pratica si avranno le seguenti opzioni: Prime Mensile -> 4,99 Euro / mese Prime Annuale -> 36 Euro / anno * *fino al 4 Aprile chi sottoscrive Prime, potrà beneficiare del prezzo di 19,99 per il primo anno, poi passerà a 36 Euro per i rinnovi successivi. Stessa cosa per i già clienti, che rinnovano entro Maggio, avranno un ulteriore anno al prezzo di 19,99 Euro. Ama…

10 nuove tecnologie che cambiano la qualità della vita

Disabilità: 10 nuove tecnologie che cambiano la qualità della vita Nel corso degli ultimi anni l’accelerazione dell’innovazione tecnologica ha permesso a nuove branche della scienza di affiancare la medicina per ideare soluzioni che rendano la nostra vita migliore. La bioingegneria si è affermata come uno dei più promettenti campi di applicazione. Già oggi molte tecnologie, una volta soltanto immaginabili, hanno permesso a persone di tornare a camminare, vedere, parlare. Gli sviluppi della ricerca e gli investimenti che sempre di più si concentrano su queste soluzioni, porteranno in un futuro ormai prossimo ad un abbassamento dei costi e quindi ad una diffusione più ampia di strumenti in grado davvero di cambiare la vita. Tra le molte tecnologie in fase di ricerca, sviluppo e applicazione, ne abbiamo scelte alcune in grado di dare un’idea di come stanno evolvendo le cose: da piccole soluzioni di praticità a grandi macchinari di supporto vitale, ecco 10 nuove tecnologie che cambieranno…