Passa ai contenuti principali

Le scuse di Facebook non sono sufficienti. L'intera Internet ha bisogno di una revisione della privacy.

Gli utenti di Facebook e tutti i consumatori hanno scarso controllo sui loro dati online. Abbiamo bisogno di un quadro di privacy semplice, opt-in che sia facile da capire.

Quando i membri del Congresso hanno affiancato il CEO di Facebook Mark Zuckerberg per non aver salvaguardato i dati personali dei consumatori, abbiamo sentito domande su come si sarebbe potuta verificare la violazione e su quali misure Facebook stava adottando per proteggere la privacy degli utenti. Zuckerberg si è ripetutamente scusato e ha promesso che Facebook avrebbe fatto meglio ad andare avanti.
Ma Facebook si è scusato per gli ultimi 14 anni per i suoi palesi errori nel proteggere la privacy degli utenti. E Facebook non è l'unico cattivo attore. Questo non è un problema specifico dell'azienda; è un problema a livello di settore.
Solo nell'ultimo anno, aziende importanti come Equifax e Orbitz hanno subito violazioni dei dati che mettono a repentaglio i dati altamente sensibili di milioni di americani. La società app Grindr è stata messa sotto accusa per aver condiviso lo stato dell'HIV dei propri utenti senza il loro consenso.
La nostra attuale privacy non funziona più.
Altro: Non sei amico di Facebook e Mark Zuckerberg. Tu sei il loro prodotto.
Altro: Elimina Facebook? No grazie. Ma saremmo tutti più felici se lo usassimo di meno.
Mentre le audizioni di questo mese hanno offerto poco in termini di soluzioni, hanno messo in luce un problema che è stato palesemente ovvio per anni: i consumatori hanno scarso controllo sui loro dati online. Zuckerberg ha ripetuto più e più volte che la sua azienda offre ai suoi utenti il ​​controllo su come vogliono condividere i loro dati sulla piattaforma. Ma il controllo degli utenti deve andare ben oltre a permettere alle persone di scegliere chi vede i loro post.
Il modello di business di Facebook si basa sulla raccolta di più dati possibili sui suoi utenti. Genera entrate condividendo punti di dati rilevanti sui propri utenti con inserzionisti pubblicitari mirati. Facebook concede inoltre agli sviluppatori di terze parti l'accesso ai propri utenti senza un consenso significativo. Come rivelato dallo scandalo Cambridge Analytica, in cui la società ha raschiato le informazioni personali di 87 milioni di utenti di Facebook senza il loro consenso, terze parti possono vendere o manipolare questi dati in modi che i consumatori non hanno mai inteso o immaginato.
Facebook ha anche strumenti per tracciare i suoi utenti su diversi dispositivi anche quando vengono disconnessi dal sito. Ancora una volta, Facebook non è l'unico a farlo. Piattaforme di grandi dimensioni, provider di servizi Internet e altri siti Web sono tutti impegnati in pratiche di raccolta dati, molte delle quali avvengono senza il consenso dell'utente. Qualsiasi soluzione deve coinvolgerli tutti.
Per essere sicuri, i dati sono utili alle aziende per sviluppare servizi migliori per i consumatori. Ma la mancanza di controllo da parte dei consumatori sui dati pone gravi minacce alla nostra democrazia. Le aziende possono facilmente manipolare i dati per motivare politicamente gli elettori o intraprendere pratiche discriminatorie come i prestiti predatori. Forti leggi sulla privacy che danno ai consumatori un preavviso significativo e la scelta di optare per la raccolta dei dati impedisce che ciò accada.
Purtroppo, l'attuale quadro giuridico è del tutto inadeguato per proteggere la privacy dei consumatori nell'era digitale. La Federal Communications Commission (FCC) ha adottato buone norme sulla privacy a banda larga nel 2016, richiedendo ai provider di servizi Internet (ISP) di ottenere il consenso prima di condividere le informazioni sensibili dei propri clienti con terze parti. Queste regole sulla privacy di Internet sarebbero state le più forti che abbiamo avuto fino ad oggi. Sfortunatamente, il Congresso li ha abrogati l'anno scorso prima che entrassero in vigore. (Questo gigantesco passo indietro non è sorprendente se consideriamo le domande disinformate che tanti membri del Congresso hanno portato alle udienze di Zuckerberg. È stato imbarazzante).
Altro: Per combattere notizie false e troll, abbiamo bisogno di più luce solare sui nostri social media
POLICING THE USA: uno sguardo su razza, giustizia, media
La Federal Trade Commission (FTC) ha il compito di proteggere la privacy dei consumatori, ma la sua autorità è fortemente limitata e manca sia del potere che delle competenze per svolgere un lavoro dignitoso. L'agenzia non ha il potere di adottare le regole sulla privacy e può solo intraprendere azioni di esecuzione se determina, dopo il fatto, che una società ha intrapreso una pratica sleale o ingannevole. Nel contesto della privacy, questo di solito significa che l'agenzia può intraprendere azioni solo in un modo, dopo che una società viola la sua politica sulla privacy.
Ma anche in base a un decreto del consenso della FTC del 2011, Facebook non è ancora riuscita a proteggere la privacy degli utenti. Altrettanto brutto, il funzionario della FTC Bruce Hoffman ha detto questo mese che non c'è motivo di pensare che i consumatori si preoccupino molto delle loro informazioni personali. Possiamo solo chiederci con chi hanno parlato.
Abbiamo bisogno di un quadro sulla privacy che dia ai consumatori il controllo sui propri dati. Prima di condividere i propri dati, è necessario che le società a tutti gli effetti siano tenute a ottenere il consenso esplicito da parte dei propri utenti. Ho premuto per questo tipo di politica di opt-in per anni.
 All'inizio, i consumatori dovrebbero essere invitati a rispondere a una semplice dichiarazione secondo cui fanno o non vogliono condividere i propri dati personali. E questa scelta dovrebbe apparire prima di quei termini ridicoli di accordi di servizio che poche persone leggono e quasi nessuno può capire anche se li abbia letti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Fiat Chrysler investimenti nell’auto elettrica e a guida autonoma

Fiat Chrysler (Fca) ha annunciato che investirà nella produzione di veicoli elettrici e a guida autonoma, oltre a potenziare il settore dei Suv e dei furgoni pick-up. Si tratta, rende noto il quotidiano “Wall Street Journal” della nuova strategia che si dipanerà nell’arco dei prossimi cinque anni. La compagnia ha anche annunciato che prevede un raddoppio dei profitti, pari a 16 miliardi di euro entro il 2022 e margini che raggiungeranno la doppia cifra rispetto all’attuale 6,8 per cento. L’Amministratore delegato, Sergio Marchionne, ha sostenuto che il gruppo spenderà 9 miliardi di euro per la realizzazione di motori elettrici, incluso il marchio Jeep. Per osservare le regole sulle emissioni che in Europa diventano più severe, Fiat Chrysler non produrrà più veicoli diesel dal 2021 e automobili come la Punto, la cui conversione elettricanon sarebbe redditizia, andra’ fuori produzione. Infine, Marchionne ha annunciato che “Fca azzererà entro giugno l’indebitamento netto industriale.…

Hard disk a DNA

Gli studenti di biologia lo sanno bene: il DNA non è solo una molecola, è anche informazione. Sfruttando le regole semplici ma efficaci del codice genetico, gli esseri viventi hanno evoluto un sistema formidabile di memorizzazione di informazioni, salvate in un archivio incredibilmente compatto che può essere scritto, modificato, letto e copiato. Stiamo parlando di informazioni particolari, informazioni utili alle nostre cellule: quando e in che tessuto accendere o spegnere un gene, quali aminoacidi occorrono per costruire una proteina e in che ordine devono essere assemblati. Affascinante, certo, ma la cosa davvero interessante è che, in linea teorica, il DNA potrebbe essere usato per archiviare dati di qualsiasi tipo. Tutto quello che dobbiamo fare è trasformare questi dati in lunghe serie di A, C, G e T, e sintetizzare le corrispondenti molecole di DNA. Facile a dirsi, difficile a farsi. I costi sono elevati e i problemi tecnici da affrontare sono molti. Ciononostante, alcuni grup…

GDPR (General Data Protection Regulation) il Regolamento e le leggi in PDF

A partire dal 25 maggio 2018 è direttamente applicabile in tutti gli Stati membri il Regolamento Ue 2016/679, noto come GDPR (General Data Protection Regulation) – relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento e alla libera circolazione dei dati personali. Il GDPR nasce da precise esigenze, come indicato dalla stessa Commissione Ue, di certezza giuridica, armonizzazione e maggiore semplicità delle norme riguardanti il trasferimento di dati personali dall’Ue verso altre parti del mondo.Si tratta poi di una risposta, necessarie e urgente, alle sfide poste dagli sviluppi tecnologici (a inizio ottobre il WP29 ha adottato tre fondamentali provvedimenti che avranno importanti ricadute su punti essenziali del GDPR proprio sul tema dell’innovazione tecnologica) e dai nuovi modelli di crescita economica, tenendo conto delle esigenze di tutela dei dati personali sempre più avvertite dai cittadini Ue. Vedi anche le novità previste in Legge di Bilancio 2018. A preoccu…