Passa ai contenuti principali

Come far crescere la pagina Facebook del tuo blog

Quando lanci il blog, quasi sicuramente, apri anche una pagina Facebook e inizi a chiederti come far crescere la pagina. Perché bisogna fare questo enorme sforzo e farsi ospitare a casa di Zuckerberg l’ho spiegato in questo post: Come promuovere una pagina Facebook senza pagare la pubblicità. Oggi tratto di un tema simile: la strategia di coinvolgimento dei lettori, che, visto che stiamo parlando di blogging personale, preferisco chiamare presenza on-line di qualità ragionata, fatta con il cuore e non con i rigidi standard delle aziende e social media manager. Hai aperto la pagina e poi ti viene una domanda quasi naturale: “E’ adesso?”. Sei molto impegnata con il blog e quindi per creare una presenza di qualità su Facebook ti resta poco tempo, vero? Un calendario editoriale per il blog è già un sogno, per la pagina diventa una chimera. Con questo post ti darò un po’ di indicazioni su come creare questa presenza di qualità su Facebook e far crescere la tua pagina in modo etico: senza spammare in giro e senza disperdere le energie, perché sappiamo che nella vita da blogger il tempo è prezioso quanto la neve sulle Alpi d’inverno 😉 .  Il tuo obiettivo è di coinvolgere nel tuo viaggio le persone giuste. Iniziamo! Come far crescere la pagina Facebook di un blog? 1. Persone (chiamate brutalmente target) Chi sono le persone che vorresti attirare sulla tua pagina? Chi vorresti che la seguisse? E’ importante definire questo elemento, non solo per impostare la comunicazione giusta e per non farti seguire da gente casuale che diventa un ghost follower, ossia coloro che hanno cliccato mi piace sulla pagina, ma poi non reagiscono ai contenuti pubblicati.  


Le cose da non fare: 

 ⛔ Acquistare i like per la pagina contro il regolamento di Facebook, cioè acquistare i like di persone che forse sono in Asia o in altri posti lontani! Succede ancora, ma ti assicuro che non serve e ti rovina la comunicazione. 
 ⛔ Fare lo scambio di like con le altre pagine quando non è di tuo interesse: io a te e tu a me. Non è il modo giusto per far crescere una pagina. Perché? Perché chi ti clicca un mi piace, ma non è interessato poi non ti seguirà lo stesso e ti abbasserà solo la visibilità dei contenuti pubblicati.

 Già Facebook abbassa di brutto la visibilità dei post, quindi quando pubblichi qualcosa, lo fa vedere a pochi e valuta le loro interazioni. Se agiscono in qualche modo, lo fa vedere anche agli altri, se non ci sono le reazioni lo mette nel cimitero dei post sfigati anche se potrebbe essere davvero un contenuto interessante! Bisogna quindi farsi seguire dalle persone realmente interessate alla tematica e allo stile perché sono loro gli amplificatori dei nostri contenuti. 

 Le cose da fare: 

 ✅ Pubblicizzare la tua pagina nei posti giusti e con le modalità giuste (all’interno di gruppi specifici di promozione del blog, senza adottare le pratiche tipo: cliccatemi like, ricambio o ancora peggio inviare i messaggi privati! Succede davvero!). 
 ✅ Invitare a cliccare mi piace alla pagina le persone che hanno cliccato mi piace su dei tuoi post pur non essendo ancora fan della pagina. Se non sai ancora come farlo, guarda il mio video di 30 secondi. E’ davvero semplice e va fatto con regolarità! Chi ha cliccato mi piace ad un tuo post significa che è interessato ai contenuti e quindi perché non dovrebbe cliccare mi piace sulla pagina se lo inviti? 
✅ Invitare gli amici e familiari che sappiamo che sono realmente interessati alla tematica della pagina e quindi anche solo inizialmente ci possono dare una mano nella promozione: commentando o condividendo i post. 
✅ Mettere una Like box sul blog (vedi la mia colonna a destra) oppure un pulsante tipo questo che vedi appena sotto all’interno di alcuni singoli articoli per facilitare a chi è arrivato per esempio da Google o da altre pagine che linkano al tuo blog, a poter restare con te e seguirti, perché realmente interessato ai contenuti del tuo blog. Puoi scegliere tra Segui e Like! Come fare? Dalla pagina Facebook per developers crea gli appositi codici e inseriscili per esempio all’interno degli articoli più letti del tuo blog. 
 ✅ Inserire all’interno degli articoli i post pubblicati su Facebook per facilitare la loro condivisione. Assicurati che siano presentati bene, anche con il link verso un’altro articolo pubblicato sul tuo blog. 
✅ Se crei i documenti gratuiti di qualsiasi tipo che poi girano in rete, ricordati di mettere il link non solo al tuo blog, ma anche alla pagina Facebook! 
 ✅ Commentare nei gruppi. Puoi farlo solo con il profilo privato, per questo è importante che esso rimandi ai tuoi social e al tuo blog. Fai uscire un po’ di coraggio e metti il link al blog in evidenza! 
 ✅ Provare un pop-up discreto sul blog che invita le persone a cliccare mi piace sulla pagina Facebook. Puoi utilizzare l’applicazione gratuita tipo Hello Bar. 
 ✅ Testare i trucchi di Growth Hacker Marketing, per esempio i bot sulla pagina Facebook! In questo post ho raccontato la mia esperienza con Chatfuel, grazie al quale la mia pagina Facebook è crescita in un weekend del 20%: Come inviare i messaggi automatici a chi commenta sulla pagina Facebook. Il tuo obiettivo è avere i Mi piace sulla pagina di qualità. Con le scorciatoie non si va lontano! 2. Come esprimi la tua presenza su Facebook? Una volta che hai definito chi sono i tuoi follower devi capire perché hai creato una pagina e qual’è il valore aggiunto rispetto al blog. La pagina ti serve perché ritieni che sia di supporto al tuo blog? Giustissimo, ma perché chi ti segue sul blog dovrebbe seguirti anche su FB? Che tipo di contenuti complementari pubblichi e con quale obiettivo? Qual’è il valore aggiunto che dai ai tuoi lettori con la tua pagina? Educhi? Diverti? Insegni? E’ molto importante rispondere a questa domanda perché potresti scoprire che non hai un obiettivo concreto nell’avere una pagina e i tuoi lettori non ne traggono nessun vantaggio a seguirti.  

Le cose da non fare:  

⛔ Pubblicare i link spogli ai tuoi blog post. Non c’è modo migliore per non coinvolgere le persone. Se tu non hai avuto 5 minuti per presentare il tuo post perché qualcuno dovrebbe avere 5 minuti del suo tempo per andare a leggerlo? Se non hai tempo per scrivere una presentazione del post o un riassunto per invogliare le persone scegli dal tuo post la migliore citazione e pubblicala assieme al link! Ma mai un link spoglio. Non uccidere da sola la visibilità dei propri contenuti!
 ⛔ Pubblicare i tuoi post direttamente sulle bacheche degli amici, per esempio taggandoli nel post che pubblichi sulla tua pagina (se non vuoi che ti succeda, metti nelle impostazioni il controllo del diario, così tutti i contenuti di chi ti tagga nei propri post o foto prima di essere pubblicati sulla tua bacheca dovranno essere autorizzati da te, a seconda della regola fidarsi bene, controllare meglio). 

 3. Coerenza con il blog Non discostarti troppo dal tema principale del tuo blog, ma sperimenta anche i temi secondari. Io scrivo sul blogging, ma sulla pagina Facebook pubblico anche i temi legati al visual thinking (le mie sketchnotes), alla creatività (cose da sperimentare subito per vedere un risultato), dei link agli strumenti oppure alle applicazioni da utilizzare o i modi per ottimizzare il tempo. Che cosa coinvolge le persone su Facebook? I post che provocano un sorriso, un’emozione positiva (ma anche negativa in qualche caso se è un’opinione controversa), consigli e life hack da utilizzare nella vita quotidiana. La strategia ti serve per capire chi sono le persone dall’altra parte dello schermo e che cosa pubblicare per coinvolgerle. Non è per sempre! E’ per iniziare e osservare che cosa funziona e che cosa non funziona.

 Le cose da non fare: 

 ⛔ Pubblicare troppi contenuti non coerenti con la pagina e il blog. Se scrivi sull’economia, vedere le foto due volte a settimana della tua colazione è davvero troppo. Se vuoi pubblicare i contenuti personali, pubblica piuttosto una foto tua di un convegno o workshop inerente la tematica del blog al quale hai partecipato!  
⛔ Essere ripetitiva con la tipologia dei post per paura di provare qualcosa di nuovo. Finché non sei famosa ti puoi permettere anche un po’ di follia ogni tanto, qualcosa di solo tuo. Non ti preoccupare, impossibile far scatenare con i tuoi post una crisi nei social media, il peggio che ti succede è che non ti fila nessuno e pazienza. 

Sarà da mettere in conto quando farai la valutazione di ciò che va e non va, perché lo farai, vero? 4. Sii regolare e varia i contenuti (e per capire quando pubblicare verifica i dati di Insight). Regolare significa almeno una volta al giorno. Soprattutto se sei solo all’inizio e stai creando il coinvolgimento dei lettori non puoi abbandonare la pagina per tanti giorni, tornando con un link spoglio per esempio. Scegli le tipologie di post con degli obiettivi che andrai a pubblicare e osserva le reazioni. Variare i contenuti significa anche variare le emozioni che fai provare ai lettori, non devi sempre essere utile a loro o tutti i giorni insegnare qualcosa di nuovo. Puoi semplicemente farli divertire o sorridere.

Commenti

Post popolari in questo blog

Come impedire a Facebook di vedere la nostra cronologia dei siti visitati

Il modo più facile per impedire questa capacità di Facebook di guardare che siti visitiamo è usando Firefox con l'estensioneFacebook Container di Mozilla.
Questa estensione apre il sito Facebook in un container separato, come in una sandbox, in modo da rimanere separato dagli altri siti visitati.
Dopo aver installato questa estensione, vengono cancellati i cookie di Facebook e viene disconnesso l'account Facebook.
Riaprendo il sito Facebook, questo si apre in una nuova scheda blu (nota anche come "scheda del contenitore"), che impedisce a Facebook di leggere la cronologia di Firefox ed i cookie memorizzati e tracciare la attività tramite cookie di terze parti .
Inoltre, poiché viene effettuato l'accesso a Facebook nella scheda Contenitore, i commenti di Facebook incorporati e i pulsanti Mi piace nei siti web non funzioneranno.

Un altro modo di escludere Facebook dalla cronologia del browser web è sul sito Digital Advertising Alliance.
Da questo portale è possibile scar…

Amazon Prime: nuovo prezzo in arrivo Da aprile 2018

Amazon Prime: nuovo prezzo in arrivo Da aprile 2018 il costo passerà a 36 euro / anno Pubblicato il 26 marzo 2018 da PippoCD Blog — Rispondi E si… ogni tanto i prezzi aumentano. È la volta di Amazon, la più grande “Internet Company” al Mondo, diventata da poco la seconda più grande Azienda dopo Apple. In questi giorni ha comunicato la modifica al rialzo il prezzo del servizio “Amazon Prime” e non di poco, passando infatti da 19.99 EUR / anno a 36 EUR / anno. Con il nuovo prezzo Amazon propone anche una nuova opzione, che permette di pagare mese per mese, invece che direttamente con l’abbonamento annuale. In pratica si avranno le seguenti opzioni: Prime Mensile -> 4,99 Euro / mese Prime Annuale -> 36 Euro / anno * *fino al 4 Aprile chi sottoscrive Prime, potrà beneficiare del prezzo di 19,99 per il primo anno, poi passerà a 36 Euro per i rinnovi successivi. Stessa cosa per i già clienti, che rinnovano entro Maggio, avranno un ulteriore anno al prezzo di 19,99 Euro. Ama…

10 nuove tecnologie che cambiano la qualità della vita

Disabilità: 10 nuove tecnologie che cambiano la qualità della vita Nel corso degli ultimi anni l’accelerazione dell’innovazione tecnologica ha permesso a nuove branche della scienza di affiancare la medicina per ideare soluzioni che rendano la nostra vita migliore. La bioingegneria si è affermata come uno dei più promettenti campi di applicazione. Già oggi molte tecnologie, una volta soltanto immaginabili, hanno permesso a persone di tornare a camminare, vedere, parlare. Gli sviluppi della ricerca e gli investimenti che sempre di più si concentrano su queste soluzioni, porteranno in un futuro ormai prossimo ad un abbassamento dei costi e quindi ad una diffusione più ampia di strumenti in grado davvero di cambiare la vita. Tra le molte tecnologie in fase di ricerca, sviluppo e applicazione, ne abbiamo scelte alcune in grado di dare un’idea di come stanno evolvendo le cose: da piccole soluzioni di praticità a grandi macchinari di supporto vitale, ecco 10 nuove tecnologie che cambieranno…