Passa ai contenuti principali

Abbiamo visto all’opera le auto che parcheggiano senza guidatore



Il Gruppo Volkswagen ci ha mostrato come funzionerà, tra un paio d’anni, il sistema di parcheggio autonomo. Si parte dalla sperimentazione ad Amburgo

Per vedere automobili prodotte in serie senza volante e senza pedali, a vera guida autonoma, dovremo aspettare ancora molto – ci ha raccontato Johann Jungwirth, Chief Digital Officer di Gruppo Volkswagen – ma questo è sicuramente un bel passo in avanti“.
Di cosa si tratta? Abbiamo visto all’opera una Volksawagen Passat, un’Audi Q7 e una Porsche Panamera (tutte ibride plug-in) capaci di parcheggiare da sole. Ma non con il guidatore a bordo, un “optional” di cui molte auto già dispongono. Si arriva al parcheggio, davanti alla sbarra di ingresso, si da il comando dal cruscotto e poi la vettura trova da sola il posto e ci entra.
Quelli che abbiamo provato sono tre prototipi, ma dall’inizio del 2020 sarà possibile ordinare, come un normale accessorio, anche l’insieme di dispositivi (radar, sensori, gps e telecamere di bordo) che consentono di eseguire questo parcheggio totalmente autonomo. Per ora non ovunque, solo ad Amburgo, la cui municipalità da sempre è molto sensibile alla ricerca sulla guida autonoma, e per la precisione nei parcheggi del suo aeroporto.

Poco. Ma reale. L’importanza di questa sperimentazione risiede proprio nella sua fattibilità. “Con i giusti tempi, e con la massima attenzione alla sicurezza, ma lo faremo e lo faremo sulla vera produzione di serie” – ha detto ancora Johann Jungwirth – che, sempre in termini di sicurezza, ci ha tenuto a sottolineare che per i primi mesi il tutto sarà possibile in un’area ben delimitata del parcheggio dell’aeroporto di Amburgo, con il divieto di accesso ai pedoni.

Commenti

Post popolari in questo blog

Come impedire a Facebook di vedere la nostra cronologia dei siti visitati

Il modo più facile per impedire questa capacità di Facebook di guardare che siti visitiamo è usando Firefox con l'estensioneFacebook Container di Mozilla.
Questa estensione apre il sito Facebook in un container separato, come in una sandbox, in modo da rimanere separato dagli altri siti visitati.
Dopo aver installato questa estensione, vengono cancellati i cookie di Facebook e viene disconnesso l'account Facebook.
Riaprendo il sito Facebook, questo si apre in una nuova scheda blu (nota anche come "scheda del contenitore"), che impedisce a Facebook di leggere la cronologia di Firefox ed i cookie memorizzati e tracciare la attività tramite cookie di terze parti .
Inoltre, poiché viene effettuato l'accesso a Facebook nella scheda Contenitore, i commenti di Facebook incorporati e i pulsanti Mi piace nei siti web non funzioneranno.

Un altro modo di escludere Facebook dalla cronologia del browser web è sul sito Digital Advertising Alliance.
Da questo portale è possibile scar…

Amazon Prime: nuovo prezzo in arrivo Da aprile 2018

Amazon Prime: nuovo prezzo in arrivo Da aprile 2018 il costo passerà a 36 euro / anno Pubblicato il 26 marzo 2018 da PippoCD Blog — Rispondi E si… ogni tanto i prezzi aumentano. È la volta di Amazon, la più grande “Internet Company” al Mondo, diventata da poco la seconda più grande Azienda dopo Apple. In questi giorni ha comunicato la modifica al rialzo il prezzo del servizio “Amazon Prime” e non di poco, passando infatti da 19.99 EUR / anno a 36 EUR / anno. Con il nuovo prezzo Amazon propone anche una nuova opzione, che permette di pagare mese per mese, invece che direttamente con l’abbonamento annuale. In pratica si avranno le seguenti opzioni: Prime Mensile -> 4,99 Euro / mese Prime Annuale -> 36 Euro / anno * *fino al 4 Aprile chi sottoscrive Prime, potrà beneficiare del prezzo di 19,99 per il primo anno, poi passerà a 36 Euro per i rinnovi successivi. Stessa cosa per i già clienti, che rinnovano entro Maggio, avranno un ulteriore anno al prezzo di 19,99 Euro. Ama…

10 nuove tecnologie che cambiano la qualità della vita

Disabilità: 10 nuove tecnologie che cambiano la qualità della vita Nel corso degli ultimi anni l’accelerazione dell’innovazione tecnologica ha permesso a nuove branche della scienza di affiancare la medicina per ideare soluzioni che rendano la nostra vita migliore. La bioingegneria si è affermata come uno dei più promettenti campi di applicazione. Già oggi molte tecnologie, una volta soltanto immaginabili, hanno permesso a persone di tornare a camminare, vedere, parlare. Gli sviluppi della ricerca e gli investimenti che sempre di più si concentrano su queste soluzioni, porteranno in un futuro ormai prossimo ad un abbassamento dei costi e quindi ad una diffusione più ampia di strumenti in grado davvero di cambiare la vita. Tra le molte tecnologie in fase di ricerca, sviluppo e applicazione, ne abbiamo scelte alcune in grado di dare un’idea di come stanno evolvendo le cose: da piccole soluzioni di praticità a grandi macchinari di supporto vitale, ecco 10 nuove tecnologie che cambieranno…