Passa ai contenuti principali

50 oggetti di design che hanno cambiato la storia

Dallo spremiagrumi di Alessi disegnato da Philippe Starck alla Coccoina, dalla radio Cubo di Brionvega all’iPod e al Game Boy passando per la Fender Stratocaster fino ad arrivare alla Lambretta, ai Ray-Ban e al taccuino Moleskine, ecco 50 cult object che hanno scritto la storia del design internazionale

La Milan Design Week è alle porte e nella mecca del made in Italy si respira un’atmosfera composta in gran parte da disegno industriale e silhouette ergonomica. Oltre che da monossido di carbonio.
Dal 17 al 22 aprile Milano si addobberà a festa, sfoggiando il suo abito migliore: quello intessuto di design alla moda. Tra Salone del Mobileufficiale e salone-off (ossia il Fuorisalone alternativo, diventato ormai anch’esso un’istituzione), il brusio di sottofondo avrà parole chiave come Philippe StarckBrionvega e sedia Thonet ripetute a loop, come nelle migliori litanie.


Tutti i santi dell’Olimpo del Compasso d’Oro – il riconoscimento italiano che dal 1954 viene assegnato al migliore designer dell’anno – saranno osannati sia sull’altare ufficiale, quello del Salone internazionale del mobile che dal 1961 attira amanti del disegno industriale e dell’home decor, sia su quello un po’ più ufficioso del Fuorisalone.
Quest’ultimo è nato come ufficioso nei primi anni Ottanta, quando varie aziende del settore capeggiate da Cassina hanno deciso di non affittare più uno showroom nei consueti spazi espositivi fuori Milano ma di esporre in città, nei quartieri più culturalmente nevralgici.
Nel 1983 la rivista Abitare ha citato per la prima volta la parola Fuori Salone (in origine scritto staccato) ma soltanto nel 1991 questa realtà underground è stata battezzata con un cerimoniale ad hoc sulla rivista Interni: creato il logo dell’evento e pubblicata la prima guida con i vari appuntamenti (distruibuita in allegato al giornale), la Milan Design Week in nuce ha mosso i primi passi.



Commenti

Post popolari in questo blog

Come impedire a Facebook di vedere la nostra cronologia dei siti visitati

Il modo più facile per impedire questa capacità di Facebook di guardare che siti visitiamo è usando Firefox con l'estensioneFacebook Container di Mozilla.
Questa estensione apre il sito Facebook in un container separato, come in una sandbox, in modo da rimanere separato dagli altri siti visitati.
Dopo aver installato questa estensione, vengono cancellati i cookie di Facebook e viene disconnesso l'account Facebook.
Riaprendo il sito Facebook, questo si apre in una nuova scheda blu (nota anche come "scheda del contenitore"), che impedisce a Facebook di leggere la cronologia di Firefox ed i cookie memorizzati e tracciare la attività tramite cookie di terze parti .
Inoltre, poiché viene effettuato l'accesso a Facebook nella scheda Contenitore, i commenti di Facebook incorporati e i pulsanti Mi piace nei siti web non funzioneranno.

Un altro modo di escludere Facebook dalla cronologia del browser web è sul sito Digital Advertising Alliance.
Da questo portale è possibile scar…

Amazon Prime: nuovo prezzo in arrivo Da aprile 2018

Amazon Prime: nuovo prezzo in arrivo Da aprile 2018 il costo passerà a 36 euro / anno Pubblicato il 26 marzo 2018 da PippoCD Blog — Rispondi E si… ogni tanto i prezzi aumentano. È la volta di Amazon, la più grande “Internet Company” al Mondo, diventata da poco la seconda più grande Azienda dopo Apple. In questi giorni ha comunicato la modifica al rialzo il prezzo del servizio “Amazon Prime” e non di poco, passando infatti da 19.99 EUR / anno a 36 EUR / anno. Con il nuovo prezzo Amazon propone anche una nuova opzione, che permette di pagare mese per mese, invece che direttamente con l’abbonamento annuale. In pratica si avranno le seguenti opzioni: Prime Mensile -> 4,99 Euro / mese Prime Annuale -> 36 Euro / anno * *fino al 4 Aprile chi sottoscrive Prime, potrà beneficiare del prezzo di 19,99 per il primo anno, poi passerà a 36 Euro per i rinnovi successivi. Stessa cosa per i già clienti, che rinnovano entro Maggio, avranno un ulteriore anno al prezzo di 19,99 Euro. Ama…

10 nuove tecnologie che cambiano la qualità della vita

Disabilità: 10 nuove tecnologie che cambiano la qualità della vita Nel corso degli ultimi anni l’accelerazione dell’innovazione tecnologica ha permesso a nuove branche della scienza di affiancare la medicina per ideare soluzioni che rendano la nostra vita migliore. La bioingegneria si è affermata come uno dei più promettenti campi di applicazione. Già oggi molte tecnologie, una volta soltanto immaginabili, hanno permesso a persone di tornare a camminare, vedere, parlare. Gli sviluppi della ricerca e gli investimenti che sempre di più si concentrano su queste soluzioni, porteranno in un futuro ormai prossimo ad un abbassamento dei costi e quindi ad una diffusione più ampia di strumenti in grado davvero di cambiare la vita. Tra le molte tecnologie in fase di ricerca, sviluppo e applicazione, ne abbiamo scelte alcune in grado di dare un’idea di come stanno evolvendo le cose: da piccole soluzioni di praticità a grandi macchinari di supporto vitale, ecco 10 nuove tecnologie che cambieranno…